Gli astronauti potrebbero davvero trasportare gli M16 sulla luna

Reading Time: 1 minute read

L’uso di armi negli estremi dello spazio, inclusi sbalzi di temperatura e bassa gravità, presenterebbe sfide sia per coloro che progettano e portano le armi.

La gravità influenzerebbe tutti gli aspetti dell’M16, dal modo in cui i proiettili sono posizionati nel caricatore a come la molla del tampone rimbalzerebbe il gruppo porta otturatore avanti e indietro all’interno dell’arma.

L’azione interna dell’M16 è programmata con precisione e un cambiamento di gravità sbaglierebbe tutto.

Cambiare la massa di varie parti interne, i pesi delle molle e persino il tipo e la quantità di polvere da sparo utilizzata potrebbe rendere utilizzabile un M16 lunare, ma richiederebbe molti test in condizioni lunari.

Una preoccupazione: l’M16 utilizza i gas della polvere da sparo per far funzionare l’arma. Come si comporterebbe quel gas di polvere da sparo caldo e pressurizzato a bassa gravità?

La gravità stessa varierà, da condizioni di gravità zero lontane dai corpi planetari a un sesto della gravità terrestre sulla luna . Le temperature sulla luna possono oscillare selvaggiamente, da un massimo di 260 gradi Fahrenheit a meno 280 gradi.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.