Gran Bretagna chiede entrare nel blocco di libero scambio Asia-Pacifico

Reading Time: 1 minute read

La Gran Bretagna ha detto che questa settimana farà domanda per entrare a far parte di un massiccio blocco di libero scambio di 11 nazioni dei paesi dell’Asia-Pacifico, non molto tempo dopo aver lasciato il mercato unico dell’Unione europea.

Il segretario al commercio internazionale Liz Truss chiederà formalmente lunedì che la Gran Bretagna aderisca all’accordo globale e progressivo per la partnership trans-pacifica (CPTPP), un mercato che rappresenta mezzo miliardo di persone e circa il 13,5% dell’economia globale.

La mossa arriva un anno dopo che la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea, ponendo fine a più di quarant’anni di adesione e dopo cinque anni di complesse discussioni commerciali con il blocco.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che la potenziale nuova partnership “porterà enormi vantaggi economici per il popolo britannico”.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.