Greenpeace vieta donazioni Bitcoin causa preoccupazioni ambientali

Reading Time: 1 minute read

Il gruppo di attivisti ambientali Greenpeace ha smesso di accettare donazioni in Bitcoin, tra le crescenti preoccupazioni sull’impatto dell’estrazione della criptovaluta sulle emissioni globali di carbonio.

Il gruppo ha affermato che demolirà una struttura che gli consente di accettare donazioni in Bitcoin, affermando che, sebbene non sia stato utilizzato pesantemente, l’impatto ambientale della moneta digitale e il suo uso di energia hanno reso insostenibile l’accettazione della criptovaluta.

L’energia utilizzata nell’estrazione di Bitcoin, che consuma circa la stessa potenza annua della Svezia, ha raggiunto i titoli dei giornali all’inizio di questo mese quando il capo di Tesla Inc ( NASDAQ: TSLA ) Elon Musk ha detto che la società sospenderà l’accettazione di Bitcoin come metodo di pagamento tra le preoccupazioni. sul suo impatto ambientale.

La mossa di Tesla, insieme ad altre preoccupazioni normative, ha portato a un crollo del valore dei mercati crittografici all’inizio di questa settimana poiché il valore di mercato è sceso di circa il 25% prima di rimbalzare parzialmente.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.