Heinemann licenzia un terzo del suo personale in tutto il mondo

Reading Time: 1 minute read

L’amministratore delegato di Gebr Heinemann, Max Heinemann, ha criticato le restrizioni in corso e la mancanza di piani per la riapertura come una “battuta d’arresto” per l’intero settore dei viaggi.

In un post su LinkedIn, Heinemann ha criticato la mancanza da parte del governo tedesco di un chiaro piano di riapertura come un “divieto di viaggio de facto” e ha detto che l’industria è stata colpita in modo sproporzionato dalla pandemia grazie a decisioni ufficiali. “Finora, il 32% dei nostri dipendenti in tutto il mondo ha dovuto lasciarci”.

Il rivenditore ha rivelato di essere stato costretto a separarsi da quasi un terzo del suo personale in tutto il mondo durante la pandemia, che Heinemann ha definito una “pugnalata al cuore per la nostra azienda di famiglia”.

Ha detto: “La decisione dello stato federale senza una prospettiva di apertura riconoscibile e con un divieto di viaggio di fatto è un’amara battuta d’arresto per l’intera industria dei viaggi.

La scorsa settimana, Gebr Heinemann ha rivelato il “colpo catastrofico” che i settori dei viaggi e della vendita al dettaglio hanno subito nel corso della pandemia. L’azienda ha sostenuto l’implementazione di una strategia di test controllabile per sostituire le restrizioni di viaggio generali e ha chiesto una rapida implementazione per consentire alle persone di viaggiare in sicurezza.

“La continuazione del blocco turistico e il continuo posizionamento negativo dei viaggi da parte della politica è sproporzionato e aumenta ancora una volta i timori esistenziali delle aziende di tutto il settore dei viaggi.

“Abbiamo già dovuto dire addio a un terzo dei nostri dipendenti in tutto il mondo: una pugnalata al cuore per la nostra azienda di famiglia. Non può essere che la discutibile gestione del governo tedesco in materia di vaccinazioni sia svolta esclusivamente a spese delle aziende e dei loro dipendenti “.

Fonti indicate nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.