Hong Kong rivela che 750 bambini sono stati arrestati in mezzo a disordini

Reading Time: 1 minute read

Funzionari di Hong Kong hanno rivelato che 750 dei manifestanti arrestati durante quattro mesi di disordini in città sono bambini, scatenando indignazione mentre la rabbia continua a crescere per le misure sempre più rigide del governo contro i manifestanti.

Il funzionario numero due della città semi-autonoma Matthew Cheung ha dichiarato in una conferenza stampa giovedì che è stato “scioccante e straziante” che 750 delle 2.379 persone arrestate – o poco più di un terzo – da giugno abbiano meno di 18 anni e 104 Sotto i 16 anni.

Cheung ha fatto appello a genitori e insegnanti affinché ammonissero i giovani e dicessero loro di astenersi da “atti illegali o violenti” ed evitare di essere feriti o arrestati, qualcosa che “finirebbe per distruggere il [loro] futuro”.

L’alta percentuale di bambini arrestati ha suscitato indignazione nella comunità locale.

“[Il governo] dice che questo è” straziante “ma non chiede il perché. La gioventù si sta alzando. Sanno che stanno combattendo per il loro futuro contro un regime dittatoriale “, ha dichiarato Kong Tsung-gan, autore e noto blogger, su Twitter.

Fonte
irishtimes.com

Foto d’archivio

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.