Hong Kong Shipping, Acque tempestose

Reading Time: 1 minute read

Hong Kong è stato uno dei porti più trafficati del mondo tra il 1987 e il 2004, fungendo da centro di trasbordo che si è nutrito della rapida crescita economica della Cina durante quel periodo. Ma il porto è affondato nelle classifiche globali nell’ultimo decennio, poiché nuovi centri di spedizione più sofisticati sono sorti in Cina, in particolare nelle vicine città di Guangzhou e Shenzhen. Anche una sfida più recente della rivale regionale Singapore sta prendendo piede.

Il commercio marittimo attraverso Hong Kong è calato per il 22 ° mese consecutivo a novembre ed è probabile che subisca continue pressioni a causa delle ricadute della guerra commerciale USA-Cina e di una migrazione a lungo termine della produzione di fascia bassa nel sud-est asiatico.

La produzione di container nei porti di Hong Kong è diminuita del 7,4% su base annua a novembre, quando 1,52 milioni di unità equivalenti a venti piedi (TEU) hanno attraversato i porti della città, accelerando dal declino del 4,1% su base annua di ottobre, secondo i dati del Consiglio marittimo e portuale di Hong Kong. La produzione è diminuita del 6,2% su base annua nei primi 11 mesi dell’anno.

Fonte: Caixin

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.