I Gioielli tradizionali armeni

Reading Time: 2 minutes read

Gli armeni erano impegnati nell’arte della gioielleria molto prima che altre nazioni iniziassero a vivere in case di pietra. Gli armeni che si stabilirono negli altopiani armeni iniziarono a estrarre oro e argento nel 2000 a.C.

In seguito all’estrazione di metalli preziosi, gli armeni iniziarono a dedicarsi all’arte della gioielleria, e questa divenne uno dei rami più importanti dell’arte applicata in Armenia.

Nei musei storici si possono trovare antiche decorazioni dei re che si conservano in ottime condizioni, e mostrano come il livello di sviluppo dell’arte orafa.

L’arte della gioielleria è la parte della storia dell’Armenia, che racconta l’antica cultura civilizzata del paese.

gioielli armeni

4000 anni fa, quando gli armeni iniziarono a dedicarsi solo all’arte della gioielleria, l’oro e l’argento erano più dei metalli. Attribuivano loro forze soprannaturali, motivo per cui gli oggetti di culto erano fatti di metalli preziosi.

Una vasta collezione di gioielli antichi che è l’eredità del popolo armeno, è conservata nei musei storici. Attraverso i secoli si può vedere come l’arte orafa si è sviluppata in Armenia, e di conseguenza abbiamo dei veri capolavori.

Questa eredità è raccolta nel Museo storico nazionale di Yerevan, così come nel museo dei “Tesori di Etchmiadzin” a Etchmiadzin.

I gioielli preziosi, in particolare i gioielli in argento, avevano un posto speciale nel costume nazionale degli armeni.

Una donna o una ragazza dell’alta società indossava gioielli come prova dello status sociale. I gioielli sono stati tramandati di generazione in generazione.

Il dettaglio più importante del costume nazionale femminile era una cintura d’argento indossata sopra l’abito.

La cintura d’argento è un esempio unico di arte orafa. Una massiccia cintura d’argento era adornata con pietre preziose, che testimoniava prosperità. Oltre alla decorazione, la cintura era considerata un amuleto protettivo contro le malattie.

Le cinture d’argento da uomo erano un simbolo di coraggio, mentre le cinture d’oro erano un simbolo di prosperità.

Un altro dettaglio importante dell’abbigliamento femminile era il copricapo, che veniva indossato sul copricapo femminile. Gioielli d’argento di monete adornavano la fronte enfatizzando la femminilità.

Anche le collane da donna erano una parte importante del costume. La maggior parte dei gioielli era d’argento (collana d’argento di monete). Ornamenti massicci erano indossati sopra i vestiti. L’immagine è stata completata con anelli massicci, braccialetti d’argento e pietre semipreziose.

L’oro e l’argento erano usati non solo per creare gioielli, ma anche per decorare libri. Per la rilegatura venivano usati fili d’oro e d’argento. Tali libri possono essere trovati a Matenadaran, il più grande deposito di libri e manoscritti più antichi.

I gioielli hanno sempre avuto un ruolo importante nella vita degli armeni. Una delle tradizioni ne è una chiara testimonianza. Oggi possiamo vedere la tradizione di presentare gioielli d’oro e d’argento durante i matrimoni e il battesimo armeni.

Mentre gli antichi gioielli armeni possono essere visti solo nel museo dietro le finestre, sul Vernissage si possono trovare copie moderne di gioielli tradizionali armeni.

I gioiellieri presentano esemplari unici di gioielli tradizionali e souvenir d’argento e d’oro, che possono essere acquistati a un prezzo accessibile.

Fonte

Fonte foto

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.