I militari possono monitorare le App degli utenti

Reading Time: 1 minute read

La maggior parte delle persone non si rende conto che i dispositivi intelligenti parlano costantemente tra loro, comunicando la propria identità e posizione in un’intensa connettività nota come Internet of Things”, Larry Pang, Head of Business Development presso IoTeX, una società che crea dispositivi intelligenti , ha detto in un’intervista via e-mail.

“Questo solleva reali preoccupazioni per la privacy. Se i dispositivi parlano, puoi essere certo che le istituzioni stiano ascoltando e un pubblico ignaro non può comprendere la portata di questa sorveglianza”.

Lo Special Operations Command, un ramo dell’esercito incaricato di antiterrorismo, controinsurrezione e ricognizione speciale, ha acquistato l’accesso a un servizio che raccoglie dati sulla posizione da utilizzare nelle operazioni delle forze speciali all’estero.

Il Wall Street Journal riporta anche che l’Air Force sta testando il software venduto da SignalFrame, una società di tecnologia wireless , che può scrutare nei telefoni cellulari per trovare la posizione e l’identità di oltre mezzo miliardo di dispositivi periferici.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.