I profitti delle banche cinesi vacillano

Reading Time: 2 minutes read

La ripresa dei profitti delle banche cinesi vacilla mentre i maggiori istituti di credito del paese vengono risucchiati in un ulteriore sostegno per le parti in difficoltà dell’economia e le società statali in difficoltà (crediti inesigibili), nonostante un’ampia ripresa dalla pandemia di coronavirus.

Il Nikkei Asia ha riferito che quest’anno avrebbe dovuto segnare l’inizio di una ripresa pluriennale per le banche commerciali cinesi, dopo che il loro utile netto combinato è sceso del 2,7% nel 2020, il primo calo in un decennio.

Ma mentre i profitti stanno nuovamente aumentando, lo stanno facendo più lentamente del previsto. Nel primo trimestre, l’utile netto delle banche commerciali è cresciuto dell’1,5% anno su anno, ben al di sotto del consenso degli analisti del 5%.

Le quattro banche più grandi della Cina – Industrial and Commercial Bank of China, China Construction Bank, Agricultural Bank of China (ABC) e Bank of China (BOC) – i profitti sono aumentati di meno del 3% su base annua, mancando anche le aspettative degli analisti, riporta il Nikkei Asia.

Il cambio di fortuna ha bloccato un rally delle azioni bancarie. L’indice della banca continentale è sceso del 7% dal picco di febbraio poiché gli investitori temono che i prestatori cinesi rimarranno indietro rispetto ai loro concorrenti globali.

I continui accantonamenti per crediti inesigibili delle banche sono una delle ragioni della brutta sorpresa per gli investitori. Rimangono ai livelli fissati all’apice della pandemia di coronavirus, ha riferito Nikkei Asia.

Un altro freno alla redditività è l’aspettativa che gli istituti di credito forniscano “servizi nazionali” a Pechino, sovvenzionando le piccole imprese tagliando le tasse e i tassi di interesse, estendendo le vacanze di prestito e aumentando la percentuale di prestiti.

Le banche cinesi registreranno margini inferiori “nonostante la ripresa economica”, poiché le autorità di regolamentazione vogliono ancora costi di indebitamento inferiori per l’economia reale, mentre “accantonamenti relativamente alti” quest’anno e il prossimo si tradurranno in una crescita degli utili “moderata” per la maggior parte delle banche.

Inoltre, gli azionisti sono anche preoccupati per le conseguenze per le banche di una possibile ristrutturazione di China Huarong Asset Management, il più grande gestore di crediti inesigibili della nazione.

Le sue obbligazioni offshore sono crollate a livelli spazzatura, e Fitch Ratings e Moody’s Investors Service hanno tagliato i loro rating il mese scorso dopo che la società ha mancato le scadenze per la divulgazione degli utili, suscitando timori di una ristrutturazione del debito, ha riferito Nikkei Asia.

Le valutazioni delle “banche cinesi sono probabilmente limitate alle loro attuali gamme di negoziazione a causa della mancanza di catalizzatori per il profitto”, ha affermato Lawrence Chen, analista di CCB International Securities, un’unità della China Construction Bank.

Ha ridotto le sue aspettative di profitto per il settore di 3 punti percentuali fino a una crescita annuale del 5% nel 2021. Chen stima un rimbalzo del 9% il prossimo anno.

Le maggiori banche cinesi sono state guidate dal governo per aumentare i prestiti alle piccole e medie imprese di almeno il 30% quest’anno. L’obiettivo arriva sulla scia di un aumento del 50% lo scorso anno, quando la pandemia ha interrotto le attività e chiuso i negozi per mesi, ha riferito Nikkei Asia.

Il governo consentirà inoltre alle piccole imprese di differire il rimborso del capitale e degli interessi e guidare le banche a ridurre i tassi di prestito per le industrie colpite da COVID, secondo un rapporto presentato a marzo alla riunione annuale del parlamento.

Fonti

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.