I progressi Quantum Computing sollevano preoccupazioni su privacy

Reading Time: 1 minute read

I recenti progressi nell’informatica quantistica potrebbero significare un Internet più veloce, ma sta anche sollevando preoccupazioni tra alcuni sostenitori della privacy che avvertono che le scoperte quantistiche potrebbero mettere a rischio i dati degli utenti.

Un team di ricerca internazionale ha recentemente compiuto un balzo verso la creazione di un “Internet quantistico” scalabile e ad alte prestazioni.

Il team ha ottenuto un teletrasporto prolungato a lunga distanza attraverso 27 miglia di fibra ottica, secondo un nuovo articolo della rivista PRX Quantum .

Un Internet quantistico funzionale cambierebbe drasticamente i campi della comunicazione sicura, dell’archiviazione dei dati e dell’informatica.

I ricercatori hanno eseguito le misurazioni su due sistemi di teletrasporto costruiti dai ricercatori del Caltech.

Questi banchi di prova di rete quantistica utilizzano rilevatori di luce allo stato solido all’avanguardia in una configurazione compatta basata su fibra e offrono acquisizione, controllo, monitoraggio, sincronizzazione e analisi quasi autonomi dei dati.

Fonte : Life Wire

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.