I rifiuti di vino utilizzati per creare carburante su auto da corsa

Reading Time: 1 minute read

Una società energetica, attiva in più di 130 paesi in tutto il mondo, producendo e commercializzando carburanti su scala globale, ha creato un combustibile rinnovabile al 100%, ottenuto da residui dell’industria vinicola, come fecce di vino e vinacce.

Secondo l’azienda, la crisi energetica e ambientale deve essere affrontata quando si considera lo sviluppo di nuovi combustibili ad alte prestazioni, e il loro ultimo sviluppo fa proprio questo. Denominato Excellium Racing 100, il carburante riduce immediatamente le emissioni di CO2 di un’auto di un minimo del 65%.

Nella creazione del carburante, i residui dell’industria vinicola vengono utilizzati per produrre bioetanolo o etanolo avanzato, quindi miscelati con ETBE (Ethyl Tertio Butyl Ether) seguendo una serie di processi tra cui fermentazione industriale, distillazione e disidratazione. Tutti i materiali utilizzati provengono dall’economia circolare.

Il carburante sarà introdotto dalla prossima stagione al FIA World Endurance Championship (WEC), inclusa la 24 Ore di Le Mans 2022, e alla European Le Mans Series (ELMS).

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.