Il governo degli Stati Uniti annulla il visto per studenti indiani e internazionali

Reading Time: 1 minute read

Il governo degli Stati Uniti annulla il visto per studenti indiani e internazionali, qualora seguiranno le loro lezioni online e, quindi, saranno rispediti nei loro paesi d’origine. A reagire a questo sono i migliori istituti educativi del mondo, l’Università di Harvard e il Massachusetts Institute of Technology (MIT) che hanno annunciato di aver fatto causa all’amministrazione Trump per questa decisione illogica.

Citando la decisione come “illegale”, le università hanno richiesto al Dipartimento americano per la sicurezza interna, l’immigrazione e l’applicazione della dogana di attuare una tale norma federale che costringerà gli studenti internazionali a lasciare il paese.

Se questo ordine restrittivo viene imposto, la politica di immigrazione e di applicazione doganale verrà messa in attesa.

I documenti del tribunale hanno rivelato che le università hanno fatto affidamento sulla politica del Dipartimento per la sicurezza interna da marzo.

Questa politica ha permesso agli studenti stranieri di rimanere negli Stati Uniti e consentire ai nuovi studenti di entrare dal prossimo autunno.

Secondo il nuovo ordine, gli studenti stranieri che studiano in America dovranno lasciare il Paese o subire la deportazione se frequenteranno le loro lezioni su piattaforme digitali nel semestre autunnale.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.