Il Madagascar aumenta le tasse sui minerali

Reading Time: 1 minute read

Il Madagascar prevede di aumentare le sue royalties su nichel, cobalto, metalli preziosi e pietre preziose dal 2 al al 4%, secondo un progetto di legge sulle miniere per maggiori entrate governative dalle attività minerarie.

Il disegno di legge, visto da Reuters e poi confermato dal ministro delle miniere Fidiniavo Ravokatra in una dichiarazione ai giornalisti, propone anche una partecipazione del governo di almeno il 20% in qualsiasi produzione mineraria commercializzabile.

Le royalties minerarie saliranno all’8% dal 2% per le pietre preziose grezze.

Le pietre industriali ruvide attirerebbero un tasso di royalty del 6% mentre le pietre industriali tagliate verrebbero tassate al 3%.

Il Madagascar ha una delle miniere di nichel più grandi del mondo, gestita da Ambatovy Minerals, che produce anche cobalto.

Il cromo è anche sfruttato industrialmente in Madagascar, insieme all’ilmenite che viene estratto dal QIT Madagascar Minerals di Rio Tinto.

La Repubblica Democratica del Congo, lo scorso anno, ha introdotto un nuovo codice minerario aumentando il tasso di royalty per i metalli preziosi dal 2,5% al ​​3,5%, provocando una protesta dei minatori che vi operano.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.