Il mercato della pelle vegana varrà $ 89 miliardi entro il 2025

Reading Time: 1 minute read

Un nuovo rapporto afferma che il mercato della pelle vegana varrà $ 89,6 miliardi entro il 2025. Secondo lo studio di Infinium Global Research , l’industria della pelle vegana avrà un tasso di crescita annuale composto del 49,9% dal 2019 al 2025.

Il rapporto afferma che il fiorente mercato della pelle vegana è guidato da una serie di fattori. Questi includono l’evoluzione delle tendenze dei consumatori, una crescente consapevolezza dell’impatto ambientale della pelle tradizionale e la crescente domanda di prodotti senza animali.

Esistono numerose alternative in pelle vegana sul mercato. Le aziende innovative ora stanno creando pelle da frutta, funghi, mais e persino caffè.

Ananas Anam, con sede a Londra, utilizza foglie di ananas di origine sostenibile per produrre una pelle naturale chiamata Piñatex . Un certo numero di marchi, tra cui H&M, Mercer Amsterdam e Nature Footwear, utilizza il materiale.

All’inizio di quest’anno, H&M ha utilizzato anche la pelle ottenuta dai sottoprodotti del vino nella sua nuova Collezione Conscious. L’alternativa in pelle vegana, creata dall’azienda tecnologica italiana Vegea, è presente su numerose borse con tracolla a catena di H&M e su diverse scarpe.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.