Il Pentagono gestisce la evoluzione sugli UFO

Reading Time: 1 minute read

Il watchdog del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti esaminerà come il Pentagono ha gestito le segnalazioni di UFO , che il dipartimento chiama Fenomeni aerei non identificati.

L’indagine dell’ispettore generale del dipartimento è stata annunciata all’inizio di questo mese in una lettera alla leadership del Pentagono e firmata da Randolph R. Stone, assistente ispettore generale per le valutazioni.

“L’obiettivo di questa valutazione è determinare la misura in cui il DoD ha intrapreso azioni riguardanti i fenomeni aerei non identificati (UAP)”, ha scritto il signor Stone nella lettera.

L’indagine arriva meno di un mese dopo che il Pentagono ha confermato l’autenticità di foto e video del personale della Marina statunitense, scattati nel 2019, che sembravano mostrare oggetti a forma di triangolo che lampeggiano e si muovono tra le nuvole . Un’altra serie di foto del personale della Marina mostrava tre oggetti che apparentemente volavano nel cielo, a forma di sfera, una ghianda e un dirigibile metallico.

Il mese prossimo, l’Ufficio del Direttore dell’intelligence nazionale e altre agenzie dovrebbero consegnare al Congresso rapporti non classificati sugli UAP.

Una fonte a conoscenza dell’argomento afferma che nel prossimo futuro saranno annunciate ulteriori indagini su come questi incontri sono stati gestiti negli ultimi anni.

Lo scorso aprile, il Pentagono ha pubblicato tre brevi video di UAP da telecamere a infrarossi che sembravano mostrare oggetti volanti in rapido movimento. Due dei video contengono membri del servizio che reagiscono in soggezione alla velocità con cui gli oggetti si muovono. Una voce ipotizza che potrebbe essere un drone.

Quattro mesi dopo, il Pentagono ha creato una task force per comprendere meglio “la natura e le origini degli UAP”, ha detto in un comunicato il Dipartimento della Difesa.

Fonti

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.