Il Rappresentante OSCE Media Freedom invita le autorità tagike a ripristinare l’accesso alle risorse multimediali online

Reading Time: 1 minute read

Il rappresentante dell’OSCE per la libertà dei media, Harlem Désir, ha invitato le autorità a ripristinare l’accesso a numerose risorse web, compresi i media online, le piattaforme sociali e i servizi di Google, in Tagikistan. “Faccio appello alle autorità affinché forniscano ai cittadini un accesso completo e senza restrizioni ai media online, nazionali e internazionali, nonché piattaforme sociali e motori di ricerca”, ha affermato Désir. “Non può esserci libertà di espressione e libertà di informazione senza un accesso illimitato a Internet”.

Secondo i rapporti, negli ultimi dieci giorni la maggior parte delle applicazioni di social media e messaggistica, tra cui Facebook, Twitter, YouTube, WhatsApp, Viber e Telegram, sono state bloccate a intermittenza, mentre l’accesso ai browser Internet rimane intermittente. I siti Web di Asia Plus, Avesta e Ozodi sono tra le pubblicazioni che rimangono non disponibili.

Il Rappresentante ha spesso sollevato la questione del blocco di Internet in Asia centrale e in tutta la regione dell’OSCE.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.