Importanti marchi di moda tagliano rapporti con produttore lana di alpaca

Reading Time: 1 minute read

L’organizzazione per i diritti degli animali People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) ha pubblicato l’indagine sotto copertura “prima nel suo genere”.

La denuncia ha rivelato casi di abusi documentati a Mallkini. La fattoria peruviana è il più grande produttore privato di lana di alpaca al mondo.

Il filmato mostra i lavoratori che tengono alpaca piangenti per le orecchie. Gli operai tosano grossolanamente gli animali con tosatrici elettriche. Nel video, alcuni alpaca vomitano.

I lavoratori hanno anche sbattuto gli alpaca sui tavoli. Alcuni degli animali sono incinti. Dopo essere stati tosati, gli alpaca appaiono visibilmente tagliati. Alcuni sembrano avere ferite profonde, alcune delle quali sanguinanti. Secondo la PETA, i lavoratori hanno cucito le ferite senza usare analgesici.

I gruppi per i diritti degli animali affermano che l’industria della lana è intrinsecamente crudele. Oltre agli alpaca, i tosatori ottengono lana da pecore, capre e conigli⁠.

Le aziende agricole in genere pagano i tosatori a volume, invece che a ore. Per questo motivo, tendono a funzionare rapidamente. A causa della loro fretta, gli animali che portano lana possono essere feriti. Le indagini hanno mostrato che i lavoratori strappano o tagliano accidentalmente strisce di pelle, e persino orecchie e code, durante il taglio.

In risposta alla sua indagine, PETA ha rivelato che Esprit eliminerà gradualmente l’uso della lana di alpaca nei suoi prodotti.

Gap Inc., che possiede una serie di marchi, tra cui Banana Republic, e H&M Group, che possiede otto marchi, hanno tagliato i legami con la società madre di Mallkini, il Gruppo Michell.

La PETA sta sollecitando le autorità peruviane a indagare, sull’allevamento di lana peruviano, per possibili violazioni della legge sulla protezione degli animali.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.