Incoerenza e dissonanza cognitiva

Reading Time: 1 minute read

La sua introduzione si deve a Leon Festinger, che nel 1957 teorizza e definisce quelle situazioni di conflitto tra opinioni, credenza, nozioni di un soggetto che rendono più complesso il processo di elaborazione cognitiva.

Tutti tendiamo ad attuare comportamenti coerenti, ma in realtà non è così semplice.Sono le contraddizioni in cui ci imbattiamo ogni giorno, del predicare bene e del razzolare male.

La consonanza cognitiva ci permette di stare in una situazione emotiva soddisfacente.

Se, invece, le rappresentazioni sono divergenti si entra in una situazione di incoerenza.

Le persone che soffrono di dissonanza cognitiva possono notare che si sentono:

ansiose,
colpevoli,
si vergognano,

Di conseguenza, possono:

cerca di nascondere le loro azioni o convinzioni agli altri,
razionalizzare continuamente le proprie azioni o scelte,
rifuggire da conversazioni o dibattiti su argomenti specifici,
evitare di apprendere nuove informazioni che vanno contro le loro convinzioni esistenti.

Fonti

1. https://it.drderamus.com/326738-1143
2. https://it.wikipedia.org/wiki/Dissonanza_cognitiva
3. https://psicomamme.it/dissonanza-cognitiva-incoerenza/
4.https://it.sainte-anastasie.org/articles/psicologa/disonancia-cognitiva-la-teora-que-explica-el-autoengao.html

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.