India, OMC sui sussidi alla esportazione di zucchero

Reading Time: 3 minutes read

L’India ha presentato ricorso contro una sentenza del comitato per la risoluzione delle controversie commerciali dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) che ha stabilito che le misure di sostegno interno del paese per lo zucchero e la canna da zucchero sono incompatibili con le norme commerciali globali, ha detto un funzionario.

L’appello è stato presentato dall’India nell’organo d’appello dell’OMC, che è l’autorità finale su tali controversie commerciali. L’India ha dichiarato che la sentenza del panel delle controversie dell’OMC ha reso alcune conclusioni “erronee” sui regimi nazionali a sostegno dei produttori e delle esportazioni di canna da zucchero e le conclusioni del panel sono completamente “inaccettabili” per esso.

Il panel, nella sua sentenza del 14 dicembre 2021, ha raccomandato all’India di ritirare i suoi presunti sussidi proibiti ai sensi dell’assistenza alla produzione, dello stock di buffer e degli schemi di marketing e trasporto entro 120 giorni dall’adozione della presente relazione.

Decidendo a favore del Brasile, dell’Australia e del Guatemala nella disputa commerciale contro l’India sui sussidi per lo zucchero di Nuova Delhi, il panel dell’OMC ha dichiarato che le misure di sostegno sono incompatibili con le regole commerciali dell’OMC.

Il funzionario ha affermato che i risultati del panel delle controversie sono irragionevoli e non supportati dalle regole dell’OMC e hanno anche eluso le questioni chiave che è stato obbligato a determinare.

“Le conclusioni del panel su presunti sussidi all’esportazione minano la logica e la logica. L’India ha fatto appello nell’organo d’appello dell’OMC contro la sentenza del panel “, ha aggiunto il funzionario.

Nel 2019, Brasile, L’Australia e il Guatemala hanno trascinato l’India nel meccanismo di risoluzione delle controversie dell’OMC sostenendo che le misure di sostegno interno di Nuova Delhi ai produttori di canna da zucchero e zucchero e sussidi all’esportazione sono incompatibili con le norme commerciali globali, comprese varie disposizioni dell’accordo dell’OMC sull’agricoltura, Accordo su sovvenzioni e misure compensative, e l’accordo generale su commercio e tariffe (GATT).

Il Brasile è il maggiore produttore ed esportatore di zucchero al mondo. L’India è il secondo produttore mondiale di zucchero dopo il Brasile. Nel dicembre 2020, il governo aveva approvato un sussidio di Rs 3.500 crore alle zuccherifici per l’esportazione di 60 tonnellate di dolcificanti lakh durante la campagna di commercializzazione in corso 2020-21 nell’ambito dei suoi sforzi per aiutarli a liquidare le quote in sospeso agli agricoltori di canna da zucchero.

Nella precedente campagna di commercializzazione 2019-20 (ottobre-settembre), il governo aveva erogato un sussidio all’esportazione forfettario di Rs 10.448 per tonnellata. Mills ha esportato 5,7 milioni di tonnellate di zucchero rispetto al contingente obbligatorio di 6 milioni di tonnellate fissato per la stagione 2019-2020 (ottobre-settembre), secondo i dati ufficiali.

Questi tre paesi, che sono membri dell’OMC, si erano lamentati del fatto che le misure di sostegno dell’India ai produttori di canna da zucchero superano il livello minimo del 10% del valore totale della produzione di canna da zucchero, che secondo loro era incompatibile con l’accordo sull’agricoltura.

Hanno anche segnalato i presunti sussidi all’esportazione dell’India, i sussidi nell’ambito dell’assistenza alla produzione e i sistemi di riserva e il sistema di marketing e trasporto.

Secondo le regole dell’OMC, un membro o membri dell’OMC possono presentare un caso all’organismo multilaterale con sede a Ginevra se ritengono che una determinata misura commerciale sia contraria alle norme dell’OMC

La consultazione bilaterale è il primo passo per risolvere una controversia. Se entrambe le parti non sono in grado di risolvere la questione attraverso la consultazione, entrambe possono rivolgersi per l’istituzione di un comitato per la risoluzione delle controversie. La sentenza o la relazione del panel possono essere contestate presso l’organo d’appello dell’Organizzazione mondiale del commercio.

È interessante notare che l’organo di appello dell’OMC non funziona a causa delle differenze tra i paesi membri nel nominare membri in questo organo. Oltre 20 controversie sono già in corso presso l’organo di appello. Gli Stati Uniti hanno bloccato la nomina dei membri.

Anche se l’organismo, che è l’arbitro finale di tali controversie commerciali, inizia a lavorare da ora, ci vorrebbe più di un anno per accogliere l’appello dell’India.

Secondo gli esperti commerciali, se anche l’organo di appello approva una sentenza contro le misure di sostegno dell’India, Nuova Delhi deve attenersi a ciò e apportare opportune modifiche al modo in cui fornisce tali misure.

Fonte : timesnownews.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.