India ricevera’ da Russia sistemi missilistici antiaerei S-400

Reading Time: 1 minute read

L’India riceverà dalla Russia i sistemi missilistici antiaerei S-400, entro 18-19 mesi. Lo ha affermato il Vice Primo Ministro per l’industria della difesa Yuri Borisov. Secondo lui, è già stato ricevuto un anticipo per le consegne.

Il contratto, per la fornitura dei missili, è stato firmato durante una visita nel paese dal presidente russo Vladimir Putin; l’importo dell’accordo era di $ 5,43 miliardi.

La presunta fornitura di S-400 all’India è, per gli Stati Uniti, una minaccia quindi verranno applicate sanzioni nel prossimo futuro.

L’India ha il 65-70% delle attrezzature militari di origine russa.

La Russia e l’India mostrano dinamiche positive in cooperazione in vari settori, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Gli Stati Uniti non hanno una leva negativa sull’India, poiché le società americane dipendono dalle materie prime indiane.

Inoltre, l’India è un’energia nucleare con un’enorme popolazione e un’economia in via di sviluppo, che le consente di perseguire una politica indipendente, ha dichiarato Alexander Sherin, primo vicepresidente del comitato di difesa della Duma di Stato.

Fonti varie

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.