India sposta truppe lungo il suo confine settentrionale

Reading Time: 1 minute read

L’India si prepara per un esteso conflitto con la Cina, dopo che diversi cicli di colloqui non sono riusciti ad allentare le tensioni tra i rivali armati nucleari. La Cina ha già collocato circa 5.000 soldati e veicoli corazzati al suo fianco del confine controverso nella regione del Ladakh, ha detto un funzionario del governo indiano, chiedendo di non essere identificato, citando le regole.

L’India sta aggiungendo un numero simile di truppe e di artiglieria lungo il confine per respingere le continue incursioni dell’esercito cinese.

La situazione di stallo iniziò il 5 maggio 2020, quando le truppe si scontrarono sulle rive del Pangong Tso – un lago glaciale a 4.267 m sull’altopiano tibetano – lasciando feriti decine di soldati su entrambi i lati. Da allora, c’è stato un costante accumulo di truppe tra continui scontri.

La mossa della Cina di intensificare le incursioni in due punti lungo il confine non segnato di 3.488 km è una deviazione dai suoi precedenti tentativi di guadagnare territorio, dopo che le due nazioni hanno combattuto una guerra nel 1962.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato in un tweet mercoledì di essersi offerto di mediare, ma non c’è stata una risposta immediata dall’India o dalla Cina.

Fonte : Taipei Times

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.