India, Un regime arcaico e obsoleto che governa Internet

Reading Time: 2 minutes read

L’Information Technology Act, 2000 è di un’epoca passata, mal equipaggiata per soddisfare le esigenze di un’economia di Internet del 21 ° secolo. La sezione 69A è uno di questi esempi, in cui l’accesso del pubblico alle informazioni online è stato bloccato in diverse occasioni.

La sezione 69A deve essere vista nel contesto e nella prospettiva del potenziale di trasformazione che l’India possiede per diventare una vera economia digitale; un regime legale arcaico / obsoleto, distaccato dai tempi che cambiano, è un grosso ostacolo.

Sebbene la validità costituzionale della sezione sia stata confermata dalla Corte Suprema affermando che è stata redatta in modo restrittivo con diverse garanzie, in pratica, è utilizzata in modo estensivo e non trasparente. I recenti divieti di accesso a tre siti web di attivismo ambientale – Fridays for Future, Let India Breathe e There is No Earth B per la loro posizione esplicita contro la bozza di valutazione dell’impatto ambientale (VIA) del 2020 sono un esempio calzante.

I siti web apparentemente innocui delle organizzazioni delle Nazioni Unite, dei gruppi per i diritti umani, dei forum sulla salute, dei gruppi femministi, ecc., Sono stati bloccati / banditi. I poteri radicali che aggirano i requisiti superficiali di preavviso, l’opportunità di essere ascoltati e un ordine motivato vanno contro la salvaguardia del “giusto processo” e i controlli e gli equilibri nel sistema costituzionale.

La sezione 69A è simile all’articolo 19 della Costituzione indiana. L’articolo 19, paragrafo 1, della Costituzione è dinamico ed espansivo, mentre le restrizioni di cui all’articolo 19, paragrafo 2, sono ristrette. Lo stesso principio dovrebbe essere esteso rispetto alla Sezione 69A, vale a dire, solo quel contenuto che non soddisfa il test di “sovranità e integrità dell’India, difesa dell’India, sicurezza dello Stato, relazioni amichevoli con stati stranieri o ordine pubblico o per prevenire l’istigazione alla commissione di qualsiasi reato conoscibile relativo a quanto sopra ”deve essere bloccato / bandito.

I diritti costituzionali di cui all’articolo 19, paragrafo 1, vale a dire il diritto alla libertà di parola, espressione, informazione e il diritto di esercitare il commercio e gli affari sono sacrosanti. Ogni azione / intervento deve seguire lo spirito costituzionale. Ciò richiede un meccanismo integrato che deriva dal mandato del “giusto processo”.

La tensione tra i diritti fondamentali da un lato e le restrizioni / limitazioni dall’altro deve essere risolta attraverso il “bilanciamento”. Questo esercizio di bilanciamento è stato fatto, tenendo presente che il panorama / ecosistema digitale in evoluzione sarà, a sua volta, in sincronia con lo sforzo / l’obiettivo di diventare una fiorente economia digitale.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.