Industria delle biciclette in forte espansione

Reading Time: 2 minutes read

Alcuni dei più grandi produttori di biciclette del mondo stanno prendendo in considerazione la possibilità di rinnovare le loro catene di approvvigionamento, a causa di ripetuti ritardi nelle consegne di parti, descritti da diversi produttori come i più lunghi degli ultimi decenni.

La produzione è stata inizialmente interrotta quando le fabbriche asiatiche sono state temporaneamente chiuse all’inizio della crisi COVID, ma recentemente nel giugno di quest’anno la Malesia ha imposto un blocco di due settimane ai produttori per far fronte all’ultima ondata, colpendo alcuni produttori di componenti per biciclette.

I produttori europei e statunitensi hanno riportato tempi di consegna fino a 400 giorni per una gamma di componenti di fascia alta realizzati da Shimano con sede a Osaka, mentre alcuni fornitori hanno riportato tempi di consegna ancora più lunghi per determinati elementi come freni idraulici o ruote.

La compressione della catena di approvvigionamento ha colpito i principali produttori di biciclette come il Gigante di Taiwan e Merida. Shimano, che produce componenti per la pesca e attrezzature per il canottaggio, nonché parti di biciclette, ha faticato a tenere il passo con la domanda e si prevede che persistano carenze, anche con gli impianti di Shimano che funzionano a pieno regime.

La frustrazione per il settore delle biciclette è che il ciclismo non è mai stato più popolare e tuttavia, proprio come i ciclisti desiderano ardentemente uscire sulla strada aperta, l’industria sta lottando per far girare le ruote.

Oltre alle società produttrici di componenti che tornano alla velocità, a loro volta fanno affidamento sui fornitori di materie prime, che sono stati anche interrotti. Con molti componenti per bici costituiti da parti provenienti da varie fonti, se anche solo una di queste non è in grado di fornire la sua parte, il componente non può essere finito o spedito. Quindi la necessità di una piccola parte può in definitiva ritardare un’intera bici.

Inoltre, c’è una crisi dei container. Dove una volta i container erano bloccati nei porti cinesi, ora, poiché la Cina esporta molto di più negli Stati Uniti e in Europa rispetto alla direzione opposta, i container sono rimasti bloccati in Occidente quando sono necessari in Asia.

Un aumento della domanda ha portato il prezzo a un massimo di $ 18.000 per i container originariamente al prezzo di circa $ 2.000. E non è solo la spedizione di biciclette finite dall’Asia all’Europa e agli Stati Uniti a essere colpita, è il movimento delle materie prime ai produttori di componenti e dei componenti anche agli impianti di assemblaggio di biciclette.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.