Industria denim verso digitalizzazione e catene approvvigionamento etiche post-pandemia

Reading Time: 2 minutes read

Sebbene il settore abbia visto una serie di fallimenti , negozi chiusi e ordini annullati quest’anno, ha anche visto un’opportunità per un ripristino. Nel Sourcing at Magic Summit Sostenibilità tavola rotonda il Mercoledì, relatori consideravano un catalizzatore a lungo atteso per il cambiamento.

Cindy Lin, CEO e cofondatrice di Hove Social Good Intelligence, una società tecnologica a impatto sociale che utilizza i dati per connettere i consumatori con le imprese etiche, ha definito la pandemia un momento di pausa necessario che ha svelato alcuni degli sporchi segreti del settore. “Poiché ora c’è una pausa, tutti questi problemi che c’erano prima sono stati davvero evidenziati”, ha detto, indicando in particolare le questioni ambientali.

Lin ha notato che ha portato molti a vedere la connessione tra le loro azioni collettive e lo stato del mondo. Di conseguenza, ritiene che la pausa abbia anche creato un consumatore più paziente, un netto contrasto con la società ossessionata dal fast fashion che esisteva prima. “[Stanno cominciando a pensare] ‘Se aspetto, ottengo una qualità migliore’ e ‘Se pago un po’ di più, ottengo un prodotto di qualità migliore che ha questi impatti positivi”, ha detto.

Concentrarsi sugli impatti positivi di un prodotto sostenibile è un concetto su cui Lin desidera che più aziende si concentrino, ed è esattamente ciò a cui mira la sua attività. La piattaforma di Hove utilizza più di 200 punti decisionali per misurare l’impatto sociale e ambientale di un’azienda e come si collega agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.

Questa impresa punta a un più ampio spostamento del settore verso una maggiore trasparenza . I membri del panel hanno convenuto che non è più sufficiente dire che un prodotto è sostenibile: le aziende devono fornire informazioni sul motivo per cui è etichettato in questo modo.

La condivisione di informazioni su elementi quali metodi di risparmio idrico e pratiche di approvvigionamento etico, può essere un modo per coinvolgere il consumatore nel guidare il cambiamento sociale e ambientale.

I consumatori stanno cercando di sostenere le imprese etiche. Nonostante i tumultuosi eventi del 2020, il marchio australiano Outland Denim ha avuto successo con la campagna di crowdfunding lanciata all’inizio della pandemia.

A maggio, il marchio ha riferito di aver raccolto 1,32 milioni di dollari australiani (circa $ 867.919) sia da investitori privati ​​che da consumatori in cerca di equità nella società, nota per i suoi sforzi umanitari e le iniziative contro la schiavitù .

L’adattabilità è diventata una qualità preziosa da avere in una pandemia, dal modo in cui i consumatori acquistano e i marchi producono, al modo in cui le aziende di abbigliamento conducono gli affari. La rapida adozione della digitalizzazione ne è un esempio.

Ora più che mai, gli esperti comunicano oltre le barriere geografiche attraverso le videochiamate. Il veterano del denim Adriano Goldschmied ha sottolineato come la tecnologia stia collegando le persone in modi senza precedenti e stia guidando il settore.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.