Industria moda, nuovo rapporto su cotone e poliestere a basse emissioni di carbonio

Reading Time: 2 minutes read

La comunità internazionale ha deciso di limitare l’aumento della temperatura media globale il più vicino possibile a 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali. Questo livello di ambizione richiederà riduzioni significative delle emissioni di gas serra in tutta l’economia, anche da parte dell’industria della moda, che deve lavorare con materie prime con la minore impronta di carbonio possibile.

Il rapporto “Identificazione di fonti a basso tenore di carbonio di cotone e fibre di poliestere”È stato sviluppato da un gruppo di esperti riuniti da Carta dell’industria della moda delle Nazioni Unite per l’azione per il clima.

Attualmente il cotone è la fibra naturale più utilizzata e la seconda fibra più utilizzata in assoluto nel settore tessile.

Il rapporto mostra chiaramente che migliorare la salute del suolo eliminando gradualmente i fertilizzanti sintetici e aumentando il compostaggio in azienda è un cambiamento fondamentale che deve essere scalato ora.

Il poliestere, d’altra parte, rappresenta circa la metà del volume totale del mercato della fibra prodotta a livello globale.

Il rapporto evidenzia le strategie a disposizione delle organizzazioni per ridurre gli impatti climatici della produzione di poliestere, compreso l’aumento dell’uso dei fornitori di tecnologia di riciclaggio, il miglioramento delle infrastrutture di riciclaggio e gli investimenti in tecnologie di selezione automatizzata e materie prime alternative.

Per stimolare ulteriormente l’azione per il clima sulle materie prime a basse emissioni di carbonio, la Carta dell’industria della moda e la Borsa dei tessuti hanno lanciato la Sfida 2025 del poliestere riciclato.

La sfida richiede l’impegno delle aziende a sostituire il loro uso di poliestere “ vergine ” (proveniente direttamente dalla natura) con poliestere riciclato per spostare il volume globale dall’attuale media del 14% al 45% entro il 2025.

Diversi firmatari della Fashion Industry Charter hanno aderito alla sfida, tra cui adidas, Elevate Textiles, G-Star Raw, H&M, Pidigi, Puma, Sympatex Technologies , Mantis World, House of Baukjen, Bottletop, Reformation e VF Corporation, tra gli altri, impegnandosi così a riferiscono annualmente sul loro consumo di poliestere nel sondaggio Corporate Fiber and Materials Benchmark (CFMB) del Textile Exchange, che seguirà i progressi verso l’obiettivo collettivo da parte delle aziende partecipanti.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.