Industria spaziale amplia settore alle donne

Reading Time: 1 minute read

Le donne nel settore spaziale stanno facendo il possibile per creare una loro presenza più ampia. La prima femmina ad andare nello spazio fu l’astronauta russa Valentina Tereshkova nel 1963.

L’astronauta della NASA Mae Carol Jemison fu la prima afroamericana ad andare nello spazio nel 1987.

La prima donna a far parte di un equipaggio per la ISS fu Susan Helms , che era un ingegnere di volo nella missione Expedition 2 nel 2001.

Potresti non riconoscere questi nomi tanto quanto le loro controparti maschili come Neil Armstrong o Buzz Aldrin, ma i loro successi hanno spianato la strada alle donne nel settore spaziale.

Ad ottobre, la prima passeggiata spaziale per sole donne si è svolta fuori dalla ISS con la partecipazione degli astronauti della NASA Christina Koch e Jessica Meir

Da allora Koch ha superato un nuovo record di durata per una singola missione spaziale di una donna dopo aver trascorso 328 giorni nello spazio presso la ISS.

Mentre, come sulla Terra, c’è ancora molto lavoro da fare per quanto riguarda l’uguaglianza e l’inclusione, le donne hanno fatto molta strada nel tracciare il nostro spazio all’interno dell’industria spaziale.

Esistono programmi che forniscono istruzione e risorse per le donne che vogliono entrare in campo, le donne stanno assumendo un ruolo attivo sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e un numero maggiore di donne sta prendendo importanti decisioni nel settore aerospaziale.

Fonte : Digitaltrends.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.