Industria tedesca in condizioni particolarmente sfavorevoli

Reading Time: 1 minute read

L’industria tedesca è in condizioni particolarmente sfavorevoli, come indicato dalle letture mensili del PMI. Questo indice si basa su sondaggi tra i gestori della logistica aziendale ed è strutturato per riflettere la struttura del settore. Se il PMI scende sotto i 50 punti, segnala un rallentamento. Nel caso dell’industria tedesca, è il più basso dalla crisi del 2009 – secondo i dati finali, è sceso a 41,7 punti.

Fino ad ora, il settore dei servizi sembrava difendere. Ma si è appena scoperto che qui è il problema. L’indice PMI per i servizi a settembre è sceso a 51,4 punti dai 54,8 punti di agosto . Ciò significa ancora lo sviluppo di questo settore, ma i dati sono chiaramente più deboli del previsto 52,5 punti. e il più debole in tre anni.

“La recessione tecnica sembra essere confermata ora”, commenta Phil Smith, economista di IHS Markit, la società che sta preparando lo studio. La recessione tecnica comporta almeno due trimestri consecutivi di calo del PIL . Nel secondo trimestre di quest’anno, la più grande economia europea si è contratta dello 0,1 per cento. su base trimestrale.

Cinque importanti istituti di ricerca tedeschi hanno abbassato le loro previsioni di crescita per la Germania per il quarto trimestre di quest’anno e per l’intero anno successivo.

La Germania ha una pesante guerra commerciale sulla linea Stati Uniti-Cina. Lo sviluppo di una disputa commerciale tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea probabilmente non sarà di aiuto.

Inoltre, le preoccupazioni sulla Brexit sono un fattore che ostacola l’economia . Gli esperti criticano anche il governo di Berlino per il mantenimento di un bilancio in pareggio a tutti i costi, il cosiddetto principio dello “zero nero”. Secondo alcuni di essi, ora è il momento di considerare di aumentare la spesa e stimolare l’economia da parte dello Stato.

Fonte
gazete.pl

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.