Insalata in busta, studio rivela contaminazione da batteri

Reading Time: 1 minute read Uno studio condotto in Germania da un team di scienziati

Condividi nei social

Reading Time: 1 minute read

Uno studio condotto in Germania da un team di scienziati guidati dal professor Kornelia Smalla del Julius Kühn Institute (JKI), ha riscontrato che nell’insalata c’è la presenza di batteri resistenti agli antibiotici. Le analisi hanno riguardato insalate miste, rucola e coriandolo comprate nei supermercati tedeschi.

Gli studiosi si sono concentrati sulla parte dei batteri Escherichia coli resistenti alla tetraciclina, sostanza attiva degli antibiotici utilizzati nell’allevamento di bestiame.

Gli studiosi affermano che un’ampia varietà di plasmidi trasferibili sono stati rinvenuti con geni di resistenza nell’Escherichia coli, da prodotti freschi. Questi batteri, una volta ingeriti attraverso il consumo di verdure crude, possono trasmettere i loro plasmidi a qualsiasi batterio patogeno presente nell’intestino: il cosiddetto “trasferimento genico orizzontale”.

Per proteggersi è bene lavare le verdure crude, l’insalata e le erbe fresche con acqua potabile, risciacquandola più volte, questo obbligatoriamente prima di mangiarle.

Fonte

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.