Iran emette un mandato di arresto per Trump

Reading Time: 1 minute read

L’Iran ha emesso un mandato di arresto per arrestare il presidente Donald Trump e decine di altri soggetti; l’Iran ritiene che i droni statunitensi hanno ucciso un alto generale iraniano a Baghdad, secondo quanto riferito da un procuratore locale.

Mentre Trump non corre alcun pericolo di arresto, le accuse sottolineano le crescenti tensioni tra Iran e Stati Uniti poiché Trump ha unilateralmente ritirato l’America dall’accordo nucleare di Teheran con le potenze mondiali.

Il procuratore di Teheran Ali Alqasimehr non ha identificato nessun altro ricercato oltre a Trump, ma ha sottolineato che l’Iran continuerà a perseguire il suo processo anche dopo la fine della sua presidenza.

L’Interpol, con sede a Lione, in Francia, non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento.

È improbabile che l’Interpol accolga la richiesta dell’Iran in quanto la sua linea guida per le comunicazioni gli proibisce di “intraprendere qualsiasi intervento o attività di natura politica”. Ciò è stato notato da Brian Hook, rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran, che ha respinto l’annuncio durante una conferenza stampa in Arabia Saudita.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.