Isole Falkland, Argentina rifiuta lancio di missili britannici

Reading Time: 1 minute read

Il governo argentino ha respinto il lancio di missili Rapier dalle Isole Falkland da parte del Regno Unito, un paese con il quale contesta la sovranità sull’arcipelago dell’Atlantico meridionale.

Secondo una dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri argentino, il Regno Unito – che detiene la sovranità delle isole, rivendicata dall’Argentina, dal 1833 – ha iniziato “manovre militari nel territorio argentino illegittimamente occupato”, incluso il lancio di tali missili.

Queste esercitazioni sono state eseguite settimane dopo che il governo del paese sudamericano ha inviato “una forte nota di protesta” alla sua controparte britannica dopo aver appreso di queste esercitazioni, denunciando a sua volta la situazione al Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e prima l’Organizzazione marittima internazionale.

In questo senso, detti lanci violerebbero, secondo il governo argentino, la risoluzione 41/11 dell’Assemblea generale sulla Zona di pace e cooperazione nell’Atlantico meridionale, che esorta gli Stati a rispettare “scrupolosamente” la zona dell’Atlantico meridionale, zona di pace e cooperazione “.

Oltre alla risoluzione 31/49 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, violata dalla “persistenza” del Regno Unito nello svolgimento di esercitazioni militari nell’Atlantico meridionale.

L’esecutivo argentino ha anche emesso un “avvertimento nautico” con l’obiettivo che il traffico marittimo nell’area non fosse “messo in pericolo dalle illegittime esercitazioni militari britanniche”.

EFE

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.