Israele, firmato accordo libero scambio con Corea del Sud

Reading Time: 1 minute read

L’accordo è servito per rafforzare il commercio bilaterale tagliando i dazi doganali e offrendo reti di sicurezza sugli investimenti.

Più del 95% delle esportazioni israeliane verso la Corea del Sud sarà esente da dogana, ha affermato il ministero. Israele sta lavorando a accordi simili con Cina, Vietnam e India, ha aggiunto.

Ashkenazi ha affermato, in una dichiarazione, che l’accordo di libero scambio dovrebbe aumentare in modo significativo il commercio tra Israele e la Corea del Sud, fornire all’industria israeliana un vantaggio competitivo e ridurre il costo dei prodotti coreani importati.

Per quanto riguarda le importazioni dalla Corea del Sud, le tariffe dovrebbero scendere al 7% su veicoli, parti di veicoli, frigoriferi, apparecchiature mediche, componenti elettronici, giocattoli, giochi, prodotti in plastica e prodotti chimici.

Le due parti hanno effettuato un accordo per raddoppiare il budget di KORIL-RDF, un fondo comune di ricerca e innovazione per le aziende israeliane e sudcoreane.

La Corea del Sud è la dodicesima potenza economica del mondo e il terzo partner commerciale di Israele in Asia, dopo Cina e India.

Fonti : YnetNews / i24news

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.