Italia, negare il Protocollo di Vigile Attesa per quale motivo?

Reading Time: 1 minute read

In molti dei nostri affezionati utenti si sono chiesti il motivo per il quale è stato impugnato, davanti al Consiglio di Stato, la sentenza del Tar del Lazio sulle cure domiciliari pre ricovero (nota meglio come vicenda “tachipirina e vigile attesa”).

Ci siamo messi in moto e cerca che ti cerca, informa di qua e di là, raccogli notizie, ecco il motivo.

Il vaccino sperimentale (lo sono tutti fino al 2023) può essere autorizzato SOLO SE NON ESISTONO CURE ALTERNATIVE.

Se esistono valide cure il Comitato deve revocare l’autorizzazione, Art.4 Comma 2 ultimo capoverso Regolamento CE 507/2006 del 29 marzo 2006 (https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/…).

Quanto sopra vale anche per l’estero: https://www.fda.gov/media/142749/download .

Quindi, se non avessero fatto ricorso al TAR sul protocollo di cura, dovevano sospendere la ‘terapia’ del vaccino. Salvo smentite, ovviamente.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.