JAXA collabora con GITAI per robotica spaziale settore privato

Reading Time: 1 minute read

La startup di robotica spaziale GITAI e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) stanno collaborando per produrre la prima dimostrazione di robotica al mondo nello spazio da parte di una società privata.

Il nuovo accordo nell’ambito dell’iniziativa JAXA Space Innovation through Partnership and Co-creation (J-SPARC) mira a dimostrare il potenziale per i robot di automatizzare l’elaborazione di compiti specifici a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

La robotica sta alterando molti aspetti della nostra vita in molti campi e uno in cui è particolarmente attraente è nell’esplorazione e nello sfruttamento dello spazio.

Queste attività richiedono spesso movimenti complessi, precisi e sottili che richiedono un apparato su misura altamente specializzato e costoso o un robot.

L’accordo GITAI / JAXA lavorerà sui modi in cui i robot possono gestire la manutenzione, gli esperimenti scientifici e altre attività specifiche a bordo della ISS.

Attualmente, GITAI sta conducendo controllo e automazione autonomi in un modello di terra del modulo sperimentale giapponese “Kibo”.

Nell’anno fiscale 2021, un braccio robotico verrà utilizzato nel modulo BISHOP Airlock sulla ISS per dimostrare la sua capacità di svolgere varie attività, tra cui azionare interruttori, collegare e scollegare cavi e assemblare pannelli.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.