Johnson & Johnson, il primo a testare i vaccini COVID su neonati e donne incinte

Reading Time: 1 minute read

Le sperimentazioni cliniche del vaccino COVID-19 pianificate da J&J saranno le prime a includere i neonati. AstraZeneca plc, che ha prodotto il vaccino sperimentale AZD1222 per COVID-19 in collaborazione con l’Università di Oxford, ha condotto studi clinici su bambini di età inferiore ai 6 anni , mentre Moderna Inc. e Pfizer Inc. (in collaborazione con BioNTech SE) stanno attualmente testando i loro vaccini sperimentali mRNA-1273 e BNT162b2 COVID-19 su bambini di 12 anni .

J&J ha iniziato a distribuire 4 milioni di dosi di Ad26.COV2.S il 1 marzo. L’azienda ha promesso che avrà 20 milioni di dosi del vaccino pronte per la distribuzione entro la fine di marzo e 100 milioni di dosi entro questa estate .

L’annuncio da parte di J & J è venuto il giorno dopo che la US Food and Drug Administration (FDA) ha concesso J & J sussidiaria Janssen Biotech Inc. di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per distribuire il vaccino negli Stati Uniti per l’utilizzo da parte di individui di 18 anni di età e anziani. Attualmente, il vaccino monodose Ad26.COV2.S non può essere somministrato a nessuno negli Stati Uniti di età inferiore ai 18 anni.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.