kiwi italiani esportati in Estremo Oriente asiatico

Reading Time: 1 minute read

Il CSO italiano, che rappresenta i maggiori produttori italiani, mira a promuovere una gamma di prodotti per progetti europei finanziati dall’Unione Europea. Tra questi prodotti, il kiwi italiano è ora disponibile per il mercato asiatico. Sebbene le anomalie climatiche e i parassiti abbiano ridotto la produzione totale di kiwi, questa stagione è iniziata bene.

Origine Group è un consorzio di nove grandi aziende di produzione e vendita di frutta e verdura fresche, con un fatturato totale di oltre 1 miliardo di euro e una produzione di oltre 1 milione di tonnellate.

Una delle missioni del gruppo è fornire prodotti di alta qualità al mercato asiatico.

Sweeki, marchio premium di kiwi del gruppo Origin, ha un bell’aspetto, un alto contenuto di zucchero e sostanza secca ed è completamente tracciabile.

Negli ultimi tre anni, Sweeki è stato gradualmente introdotto nel mercato asiatico dell’Estremo Oriente.

I primi container di Sweeki arriveranno nei porti della Cina continentale, Hong Kong, Taiwan, Malesia, Indonesia e Singapore e saranno distribuiti dai partner del gruppo Origin in supermercati, negozi di frutta e mercati all’ingrosso.

Origine Group prevede di spedire 22 container con i kiwi di qualità italiana.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.