La blockchain di prodotti farmaceutici

Reading Time: 1 minute read

La società di logistica giapponese X sta lavorando con Y e Z Japan per sviluppare un sistema logistico basato su blockchain riferito al K . X ha dichiarato che avrebbe investito fino a 100 miliardi di yen ($ 980 milioni) nello sviluppo del sistema, a partire dall’industria farmaceutica e un lancio programmato nel 2021.

La società mira a eliminare i farmaci contraffatti dall’entrare nella catena di approvvigionamento farmaceutica e garantire la conformità alle buone pratiche di distribuzione (PIL).

L’investimento da miliardi di dollari verrà utilizzato per costruire la rete di trasporto farmaceutica, compresi magazzini, camion e loro manutenzione. C fornirà sensori, probabilmente dispositivi Internet of Things (IoT), per garantire il controllo della temperatura durante il trasporto e i tag RFID verranno utilizzati per tracciare e aggiornare automaticamente la blockchain. Nippon ha affermato che Accenture gestirà l’aspetto tecnologico del progetto.

Il lancio del progetto arriva in un momento in cui diversi paesi stanno esaminando le reti di distribuzione farmaceutica.

Negli Stati Uniti, il Drug Supply Chain Security Act ( DSCSA ) viene implementato in più fasi. La fase del 2019 mirava a identificare e tracciare i ritorni delle medicine false.

Diverse aziende farmaceutiche stanno sviluppando soluzioni per soddisfare i requisiti DSCSA e la blockchain è favorita da molti.

X ha affermato che la piattaforma seguirà l’importazione e l’esportazione di materie prime e prodotti e la loro consegna alle istituzioni mediche. Mira a riunire produttori, grossisti e istituzioni mediche su un’unica piattaforma.

Un vantaggio chiave è la riduzione della necessità di controlli manuali che portano a una riduzione dei costi e dei tempi.

Mentre la piattaforma si sta inizialmente concentrando sui prodotti farmaceutici, la blockchain verrà utilizzata anche per monitorare il trasporto di altre merci.

X ha dichiarato che le compagnie di navigazione dovrebbero unirsi alla piattaforma e migliorare l’efficienza complessiva delle catene di approvvigionamento.

Fonte : Leder Insights

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.