La NASA vorrebbe operazioni cargo aeree senza pilota a livello nazionale

Reading Time: 2 minutes read

I ricercatori aeronautici statunitensi si stanno avvicinando all’industria per abilitare le tecnologie necessarie per far volare grandi veicoli aerei senza pilota (UAV) ampiamente per consegnare grandi quantità di carico aereo in tutta la nazione.

Funzionari dell’Ames Research Center della National Aeronautics and Space Administration (NASA) a Mountain View, in California, hanno emesso una richiesta di informazioni (RFI) la scorsa settimana (80ARC020ATMXPAAV) per il progetto Pathfinding for Airspace with Autonomous Vehicles (PAAV), che fa parte del programma NASA Air Traffic Management-eXploration (ATM-X).

Il progetto PAAV prevede l’integrazione continua e scalabile di grandi UAV per il trasporto di merci tra aeroporti tradizionali e altri punti di accesso allo spazio aereo nazionale.

A differenza dell’uso di piccoli UAV per la consegna dei pacchi, questi grandi UAV saranno in grado di spostare grandi quantità di merci aviotrasportate a livello regionale o nazionale, utilizzando tecnologie automatizzate per le operazioni di carico UAV.

Dall’industria, i ricercatori della NASA vogliono conoscere i piani per investire nelle operazioni di carico degli UAV, comprendere le sfide coinvolte e aiutare la NASA a trovare modi per coinvolgere l’industria su questo argomento.

La NASA vuole creare partnership industriali per aiutare a formulare concetti di operazioni per operazioni di carico UAV commercialmente valide per aiutare a guidare la ricerca della NASA e condurre dimostrazioni di volo già nel 2025.

I ricercatori della NASA vogliono determinare se c’è sufficiente interesse del settore nelle operazioni di carico UAV per ulteriori investimenti; scoprire i piani del settore per le operazioni di carico UAV; e stimare i costi.

Un obiettivo chiave di una dimostrazione di volo PAAV è dimostrare le procedure e le tecnologie necessarie per il file gate-to-gate e le operazioni cargo UAV nel sistema dello spazio aereo nazionale degli Stati Uniti.

Gli esperti della NASA vogliono conoscere gli sviluppi del settore in termini di autonomia delle macchine per condurre operazioni di superficie, evitare collisioni e come gestire gli imprevisti come la perdita di collegamenti di dati nelle operazioni di trasporto aereo commerciale senza pilota.

La dimostrazione PAAV utilizzerà aeromobili forniti dall’industria con capacità opzionalmente pilotate, surrogate con equipaggio e pilotate a distanza che potrebbero consentire operazioni cargo UAV gate-to-gate. Le tecnologie aeronautiche e di autonomia utilizzate nelle dimostrazioni dovrebbero essere in via di sviluppo verso sistemi certificati.

La dimostrazione PAAV ha lo scopo di aiutare a sviluppare concetti di operazioni che identificano le esigenze future e le tecnologie abilitanti per l’integrazione delle operazioni di carico automatizzato nel sistema dello spazio aereo nazionale.

Gli esperti della NASA vogliono anche conoscere le barriere tecnologiche alle operazioni di archiviazione e volo automatizzate di routine del carico; identificare le funzioni automatizzate necessarie per operazioni automatizzate scalabili del carico aereo; ed esaminare le modifiche necessarie ai ruoli e alle responsabilità esistenti tra esseri umani e sistemi automatizzati di trasporto aereo di merci.

I potenziali partner della NASA in questo progetto includono produttori di UAV; operatori di merci aviotrasportate; Rappresentanti del settore dell’avionica e del middleware UAV; società di software che supportano le operazioni UAV; produttori di sensori; fornitori di comunicazione, navigazione e sorveglianza; sviluppatori di sistemi per stazioni di terra; e altri che hanno capacità per abilitare le operazioni UAV nel sistema dello spazio aereo nazionale.

Le aziende interessate dovrebbero inviare le risposte via e-mail entro e non oltre il 29 gennaio 2021 a Rober Fong della NASA all’indirizzo Robert.K.Fong@NASA.gov . Maggiori informazioni sono online.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.