La NASA vuole avere una presenza sostenibile sulla Luna dal 2028

Reading Time: 2 minutes read

Il progetto della NASA di riportare gli astronauti sulla Luna nel 2024 mira a stabilire una presenza umana in modo sostenibile sul nostro satellite dal 2028, in preparazione vera ambizione, che è di andare su Marte. Questo è il programma che è stato presentato alla stampa durante la seconda giornata dello spettacolo aereo Le Bourget, a nord di Parigi, dall’amministratore dell’agenzia spaziale americana, Jim Bridenstine, che ha insistito sul fatto che la missione sulla Luna fosse fissata a dicembre del 2017 dal presidente, Donald Trump, sta “andando in modo sostenibile”.

Ciò significa che devi creare una piattaforma orbitale che abbia una durata di circa quindici anni da utilizzare come base per poter ispezionare qualsiasi parte del satellite, ha affermato Bridenstine.

Ma anche come scalo in futuro per preparare con le risorse disponibili la propulsione su Marte, un viaggio che richiede almeno due anni di permanenza.

La piattaforma orbitale di quella missione sulla Luna, chiamata Artemis, sfrutterà l’esperienza della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) che è stata abitata per più di 20 anni.

Allo stesso tempo servirà per testare la tecnologia che dovrà essere sviluppata per Marte, che ha un particolare interesse perché ci sono elementi (un oceano e un’atmosfera) che rendono potenzialmente possibile la vita.

L’amministratore della NASA ha confermato che il costo che viene mischiato tra 20.000 e 30.000 milioni di dollari per un periodo di cinque anni fornisce le capacità di sbarco sulla luna per gli astronauti.

Questo non include, né dovrebbe le missioni di esplorazione che possono essere svolte, né garantire una presenza umana sostenibile nel satellite della Terra.

Bridenstine era aperta a incorporare nuovi partner in questa missione per la quale sono state stabilite solide partnership con il Canada o l’Agenzia spaziale europea e ha descritto come “benvenute” le iniziative della Cina o della Russia che si schierano da sole per portare gli astronauti sulla Luna .

Nel mezzo delle celebrazioni del 50 ° anniversario del prossimo luglio dell’arrivo dell’uomo sulla Luna per mano dell’Apollo 11, il capo della NASA ha ribadito che Artemis lascerà “in un modo completamente diverso”, con una volontà di permanenza, utilizzando le risorse disponibili sul campo e nella cooperazione internazionale.

Fonte EFE

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.