La prima cravatta realizzata in seta di ragno

Reading Time: 1 minute readLa seta del ragno è nota per le sue fibre forti

Condividi nei social

Reading Time: 1 minute read

La seta del ragno è nota per le sue fibre forti e appiccicose e la maggior parte di noi evita le ragnatele a tutti i costi. Tuttavia, il marchio di accessori e abbigliamento Bolt Threads non ha paura. Hanno svelato la prima cravatta realizzata in seta di ragno. La cravatta unisex è molto elegante e realizzata in seta spider boltspun al 100%. Mentre i ragni usano tipicamente questo materiale per catturare la loro preda, i portatori cattureranno semplicemente l’attenzione dei passanti con i loro fili eleganti.

Anche se il nuovo accessorio è realizzato in pura seta di ragno, nessun aracnide è stato utilizzato (o sfruttato) per realizzarli. Piuttosto, Bolt Threads ha studiato la seta dei ragni e ha replicato il materiale in un laboratorio.

Dopo aver copiato la sequenza genetica per la seta naturale di ragno, il marchio è stato in grado di iniziare a creare legami con il materiale, utilizzando un esclusivo processo di estrusione che imita la filatura naturale.

Le svariate applicazioni per la seta sintetica sono incredibili, e le cravatte sono il modo di Bolt di far conoscere il materiale versatile.

Solo 50 delle cravatte in spider in edizione limitata verranno rilasciate e i fortunati clienti potranno acquistare i pezzi della conversazione per $ 314.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.