La Scozia ripristina le sue torbiere

Reading Time: 2 minutes read

Le torbiere vengono create quando i resti di piante sono immersi in terre bagnate dall’acqua, trasformandole nel tempo in torba con il carbonio delle piante ancora immagazzinato all’interno. Coprono circa il 3% della terra del mondo e si trovano in 175 paesi, principalmente nel nord Europa, Nord America e Sud-est asiatico.

Le paludi di tutto il mondo, e in particolare in Europa, affrontano problemi simili alla Scozia. Hans Joosten, un importante ricercatore di torbiere, ha riferito a DW che circa la metà di quelli in Europa è stata prosciugata, in particolare nelle regioni occidentali, centrali e meridionali densamente popolate.

In tutto il mondo, i paesi stanno cercando di ripristinare le loro paludi come la Scozia . In Sudafrica , la conservazione è stata combinata con la riduzione della povertà in quanto il programma di lavoro per zone umide da 56,6 € (63 milioni di dollari) del governo ha creato 15.000 posti di lavoro nel risanamento e nel controllo dell’erosione di 20 torbiere.

La Malesia e l’Indonesia rappresentano ora la metà delle emissioni mondiali di torba. Le loro torbiere tropicali sono state drenate in modo da poter coltivare prodotti come l’olio di palma, causando frequenti incendi. In Uganda e nell’Amazzonia occidentale del Perù, anche le torbiere vengono sempre più prosciugate per l’agricoltura.

La Scozia ha una copertura particolarmente elevata, con paludi che rappresentano il 20% della sua terra (circa 1,7 milioni di ettari) principalmente nelle sue isole del nord e dell’ovest meno popolate.

Il governo scozzese stima che, circa un terzo delle torbiere nel paese (su per giù 600.000 ettari) è degradato.

Le torbiere scozzesi, create principalmente in aree lasciate prive di acqua dallo scioglimento dei ghiacciai dell’era glaciale, rimasero intatte per migliaia di anni fino a quando i contadini iniziarono a drenare la terra, costruendo fossati in modo che l’acqua scendesse nei fiumi.

Alcuni fossati risalgono all’epoca romana, in alcune parti della Gran Bretagna. Quelle della Scozia risalgono negli anni ’50 con l’avvento di nuovi macchinari e sovvenzioni governative volte a migliorare il pascolo.

Il governo scozzese offre, ai proprietari terrieri, sovvenzioni per bloccare i canali di scolo che i loro predecessori sono stati incoraggiati a scavare.

Quest’anno sono stati messi a disposizione un totale di € 16,3 milioni ($ 18 milioni) .

La speranza è che entro la fine del 2020 siano stati ripristinati 50.000 ettari e 250.000 ettari entro il 2030.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.