La Turchia introdurrà una nuova tassa sulla sistemazione turistica negli hotel

Reading Time: 1 minute read

A partire dal 1 ° aprile 2020, la Turchia dovrebbe introdurre una nuova “tassa di soggiorno”. Lo riferisce l’Associazione degli operatori turistici della Russia (ATOR). Non sarà pagato dai turisti stessi, ma dalle strutture ricettive – hotel, motel, appartamenti, pensioni e campeggi. In questo caso, la tassa verrà pagata sia sul prezzo dell’alloggio per gli ospiti sia su altri servizi a lui prestati, inclusi pasti, piscina e servizi SPA, animazione, ecc.

Secondo ATOR, entro la fine del 2020, l’aliquota fiscale sarà dell’1% del costo totale dei servizi forniti all’ospite. Ma nel 2021 già il 2% del costo dei servizi resi. Tuttavia, come specificato nell’ATOR, l’ultima parola sulla questione fiscale appartiene al presidente Erdogan, che ha il diritto di ridurre o aumentare di tre volte l’aliquota fiscale.

Per il 2020, gli albergatori turchi hanno già annunciato i prezzi e molti tour operator hanno già fissato i prezzi per i tour del prossimo anno. Pertanto, nel 2020, è probabile che gli albergatori paghino autonomamente la nuova imposta. Ma nel 2021, la “tassa di soggiorno” sarà inclusa nel contratto di tutti gli hotel, il che porterà ad un aumento degli alloggi per i turisti di almeno il 2%, previsto nell’ATOR.

Nel frattempo, si prevede che la prossima stagione, le vacanze in Turchia e senza tasse aumenteranno del 5-15%.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.