L’apologetica nel Medioevo

Reading Time: 1 minute read

Dopo la nascita e l’affermazione dell’Islam, gli scritti apologetici hanno presenti non solo i giudei e i pagani, uomini di cultura ellenistica, ma anche i musulmani. Operano così, in Oriente, san Giovanni Damasceno e Teodoro Abu Qurrah, mentre in Occidente vedono la luce gli scritti di sant’Isidoro di Siviglia. Procedendo negli anni, si ricordano:
nell’XI secolo, san Pier Damiani;
nel XII secolo, Ruperto di Deutz e Pietro il Venerabile.
nel XIV secolo, Raimondo Martini, il beato Raimondo Lullo e Ricoldo da Montecroce. È dello stesso periodo la fondamentale Summa contra gentiles di san Tommaso d’Aquino, nota anche come Sulla verità della fede cristiana contro gli errori dei non credenti;
nel XV secolo, Georgios di Propezon, Juan Torquemada, Dionigi Certosino e Gerolamo Savonarola con Il trionfo della croce.

Fonte: Wikipedia

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.