Lavoro, Burberry affronta la reazione in Cina

Reading Time: 1 minute read

Burberry ha perso il suo ambasciatore del marchio cinese ed è stato cancellato da un videogioco cinese mentre i consumatori nel paese boicottano i marchi occidentali per accuse di lavoro forzato nell’industria del cotone con sede nello Xinjiang.

Anche se Burberry non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche in cui condanna le denunce di sfruttamento dei musulmani uiguri all’interno del processo di produzione del cotone della provincia dello Xinjiang, ha affermato che non si rifornisce di cotone da quella regione ed è membro della Better Cotton Initiative.

Ciò sembra essere stato sufficiente per convincere i consumatori cinesi a boicottare il marchio, insieme ad altri marchi occidentali, e per il suo ambasciatore, l’attrice Zhou Dongyu, a dimettersi dal marchio.

Dongyu, che è una figura di grande successo e di alto profilo nel paese, ha detto che la casa di lusso britannica non aveva “chiaramente e pubblicamente dichiarato la sua posizione sul cotone dello Xinjiang”.

Anche gli abiti Burberry virtuali che erano apparsi nel videogioco Honor of Kings sono stati eliminati, è stato affermato.

Burberry non è il solo ad essere stato preso di mira con H&M, Nike e Adidas per aver affermato di non acquistare cotone dallo Xinjiang, a seguito delle denunce di violazioni dei diritti umani nella provincia.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.