Le epidemie hanno un elevato costo

Reading Time: 1 minute read

L’epidemia del Coronavirus è la più costosa del mondo, con oltre 62 miliardi di dollari, come rivela un nuovo rapporto compilato da LearnBonds. I dati indicano che, entro il primo trimestre del 2020, il virus dovrebbe costare alla Cina circa $ 62 miliardi, un equivalente del 2% di il PIL del paese.

In quel rapporto si legge che il CoronaVirus è l’epidemia più costosa rispetto ad altri focolai di malattie tra cui Ebola, influenza suina, ecc. pur se tali malattie hanno avuto un bilancio delle vittime molto più elevato.

L’ebola, che ha devastato la maggior parte dell’Africa, ha comportato una perdita di $ 53 miliardi. Il virus ha registrato 11.323 morti e 28.646 infezioni.

L’epidemia di influenza suina, che ha registrato il maggior numero di vittime a 18.138, ha comportato una perdita di $ 50 miliardi.

Altre epidemie con notevoli conseguenze economiche includono influenza aviaria ($ 40 miliardi), SARS ($ 40 miliardi) e MERS ($ 10 miliardi).

In generale, l’impatto delle epidemie è grave. Da qui la necessità di contenere focolai al fine di evitare l’arresto economico all’interno delle regioni colpite.

Fonte : LearnBonds

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.