Le Filippine ripristinano il divieto ai cittadini di trovare lavoro in Kuwait

Reading Time: 1 minute read

Le Filippine stanno reintroducendo il divieto ai suoi cittadini di andare a lavorare in Kuwait dopo che una connazionale sarebbe stata uccisa dal suo datore di lavoro. Il presidente Rodrigo Duterte ha approvato il divieto poiché il suo governo ha accusato l’emirato di coprire l’uccisione di una cameriera, ricordando i circa 240.000 filippini che lavorano nello stato del Golfo.

Secondo i resoconti dei media locali, la Philippine Overseas Employment Administration aveva precedentemente imposto un divieto ai lavoratori domestici, appena assunti, che si recavano in Kuwait dopo la morte dello scorso mese di Jeanelyn Villavende, 26 anni.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.