Le sedie più iconiche di tutti i tempi

Reading Time: 1 minute read

Uuna sedia è un oggetto apparentemente banale: esprime il bisogno degli esseri umani di sedersi funzionali nei vari contesti pubblici e privati. Eppure, nel corso della storia, pochi mobili hanno acceso l’immaginazione per creare oggetti di design emozionanti.

Innovazione dei materiali, praticità, bellezza delle forme, artigianato: questo è la sedia per un designer d’interni.

Il periodo di massimo splendore, per tali oggetti, è stato il periodo degli anni tra i ’20 ed i ’60. La convergenza dell’innovazione tecnologica e l’ampliamento della classe media europea / americana, ha portato alla nascita del movimento artistico noto come ‘Mid-Century Modern’.

Di seguito alcune delle sedie più iconiche che avrete visto in arredamenti di stile classico, moderno, storico.

1. Le Corbusier’s ‘Grand Confort’ (1928)

2. Transat (1927) di Eileen Gray

3. Marcel Breuer’s ‘B32/Cesca’ (1928)

4. “Model 45” di Finn Juhl (1945)

5. “Papa Bear” di Hans Wegner (1954)

6. “Sedia impilabile” di Verner Panton (1960)

7. “Barcelona” di Ludwig Mies van der Rohe (1929)

8. ‘Tulip’ di Eero Saarinen (1955 circa)

9. Wassily (1925) di Marcel Breuer

10. “Lounge Chair and Ottoman” di Charles e Ray Eames (1956)

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.