L’economia indiana ha registrato una crescita del 4,7% nel trimestre di settembre

Reading Time: 2 minutes read

L’economia indiana probabilmente si è espansa al suo ritmo più debole in più di sei anni nel trimestre a settembre, secondo un sondaggio di Reuters, poiché la domanda dei consumatori e gli investimenti privati ​​si sono indeboliti ulteriormente e un rallentamento globale ha colpito le esportazioni.

La mediana di un sondaggio di economisti ha mostrato una crescita annua del prodotto interno lordo del 4,7% nel trimestre, in calo dal 5,0% nei tre mesi precedenti e dal 7% per il corrispondente periodo del 2018.

La crescita economica potrebbe scendere a circa il 4% nel trimestre di settembre, secondo quanto riferito da due canali televisivi nazionali, citando fonti governative.

Se l’ultimo dato per l’espansione del prodotto interno lordo è pari o inferiore al 4,7%, il trimestre avrà registrato l’espansione più lenta in 26 trimestri, dal 4,3% in gennaio-marzo 2013.

Il governo del primo ministro Narendra Modi ha adottato diverse misure, tra cui la riduzione dell’imposta sulle società a settembre, per incentivare gli investimenti e sostenere la crescita economica.

Gli economisti di un sondaggio di Reuters hanno predetto che la Reserve Bank of India taglierebbe il tasso di pronti contro termine per la sesta volta consecutiva, di 25 punti base, al 4,90% nella riunione del 3-5 dicembre.

“Finora il disagio agricolo e la lugubre crescita del reddito, unitamente a una modesta aspettativa di crescita del reddito nelle aree urbane, hanno notevolmente indebolito la domanda di consumi”, ha affermato Devindra Pant, capo economista di Fitch, India Rating & Research.

“Anche la domanda festiva non è riuscita a rilanciarla”, ha detto, citando i dati sul credito non alimentare, le vendite di auto e selezionando beni di consumo in rapido movimento.

Gli economisti affermano che con un credito interno costantemente persistente e profitti societari deboli, la ripresa dell’India potrebbe essere ritardata e la ripresa rimarrebbe al di sotto del potenziale.

L’India deve crescere intorno all’8% per creare posti di lavoro sufficienti per i suoi milioni di giovani che si uniscono alla forza lavoro ogni anno.

Il tasso di disoccupazione in ottobre è salito all’8,5%, il più alto da agosto 2016, secondo il Center for Monitoring Indian Economy (CMIE), anche se il governo stima che la disoccupazione urbana sia diminuita.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.