Libertà di stampa a rischio nel social net Facebook; sono iniziate le epurazioni?

Reading Time: 1 minute read

Le pagine, i post pubblicati anche sui profili dei giornalisti d’ora in poi verranno etichettati con ‘Fake News’ , ‘Spamming’ oppure censurati o bloccati del tutto. La censura alla libertà di stampa è da anni che su Facebook viene applicata, ma adesso ha passato il metro e la mala misura.

L’epurazione non è soltanto per testate, ma anche per i giornalisti; da qualche settimana sono infatti scomparsi numerose pagine e profili di colleghi stranieri.

In Italia ci sono le prime ‘vittime’ della censura di Facebook.

Facebook etichetterà pagine e giornalisti come una sorta di ‘gogna’, in modo che gli utenti possano cancellarsi dai profili e dalle pagine dei media.

Russia Today e l’agenzia di stampa cinese Xinhua hanno commentato che tale comportamento verrà perseguito, anche se tale azione è giustificata dal responsabile delle politiche per la sicurezza di Facebook, Nathaniel Gleicher, una necessità agli utenti per dare maggiori informazioni sull’origine delle informazioni e delle notizie.

.*.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.