Libia, Société Générale multa 860 milioni di dollari per tangenti

Reading Time: 1 minute read

La Société Générale SA (SocGen), un istituto di servizi finanziari globale con sede a Parigi, Francia, e la sua consociata interamente controllata, SGA Société Générale Acceptance NV, hanno accettato di pagare una sanzione totale combinata di oltre $ 860 milioni per risolvere le accuse con le autorità penali in Stati Uniti e Francia, inclusi $ 585 milioni relativi a un programma pluriennale per pagare tangenti a funzionari in Libia e $ 275 milioni per violazioni derivanti dalla sua manipolazione del London InterBank Offered Rate (LIBOR), uno dei principali tassi di interesse di riferimento al mondo.

In procedimenti correlati, Société Générale ha raggiunto un accordo con il Parquet National Financier (PNF) di Parigi in relazione al regime di corruzione in Libia.

Gli Stati Uniti accrediteranno $ 292.776.444 che Société Générale pagherà al PNF in base al suo accordo, pari al 50 per cento della pena penale totale altrimenti pagabile agli Stati Uniti. Questa è la prima risoluzione coordinata con le autorità francesi in un caso di corruzione straniera.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.