Lo sport del ciclismo contro la depressione

Reading Time: 1 minute read

Livelli aumentati di attività fisica come il ciclismo possono ridurre significativamente le probabilità di depressione, anche tra le persone che sono geneticamente predisposte alla condizione, secondo un nuovo studio dei ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH).

In un articolo pubblicato sulla rivista Depression and Anxiety , i ricercatori hanno riferito che le persone che si sono impegnate in almeno diverse ore di esercizio ogni settimana avevano meno probabilità di essere diagnosticate con un nuovo episodio di depressione, anche a fronte di un alto rischio genetico per il disturbo.

Attingendo ai dati delle cartelle cliniche genomiche ed elettroniche di quasi 8.000 partecipanti, il nuovo studio è il primo a mostrare come l’attività fisica possa influenzare la depressione nonostante il rischio genetico.

I ricercatori hanno seguito i pazienti che hanno compilato un sondaggio sulle loro abitudini di vita (inclusa l’attività fisica) quando si sono iscritti allo studio.

Hanno quindi estratto milioni di punti dati delle cartelle cliniche elettroniche nei due anni successivi e hanno identificato le persone che hanno ricevuto diagnosi relative alla depressione.

Hanno anche calcolato i punteggi di rischio genetico per ogni partecipante, combinando le informazioni sull’intero genoma in un unico punteggio che riflette il rischio ereditario di depressione di una persona.

Fonte : capovelo.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.